Cercare nel blog.

martedì 16 giugno 2015

Lezione 168 del libro de esercizio. La tua grazia mi è stata data. La reclamo adesso.

Sat Nam bello essere! Respira profondamente e apri la tua mente all'idea di oggi. Chiudi gli occhi di a te stesso: riposo in Dio. Senti quella presenza divina che è dentro della tua mente e chiedi: Spirito Santo che sei nella mia mente aiutami a capire questa idea di oggi. Aiutami ad essere ogni istante nel presente, osservando ogni cosa che succede nella mia mente per poter comprendere che nulla è reale e liberarmi. Grazie ti amo
Lezione 168.
La tua grazia mi è stata data. La reclamo adesso.
1. Dio ci parla.

Non dovremmo forse parlare con Egli?

Dio non è qualcosa di lontano.

Non cerca di nascondersi da noi.

Siamo noi quelli che cerchiamo di nasconderci da Egli, e che siamo le vittime dell'inganno.

Egli è sempre completamente accessibile.

Egli ama Suo Figlio.

Tutto tranne questo puoi essere sicuro, ma questo è abbastanza.

Egli amerà Suo Figlio per sempre.

Anche se la tua mente è addormentata, Egli ti ama.

E quando la tua mente si sveglierà, Egli continuerà ad amarti con un Amore che non potrà mai cambiare.

2. Se tu conoscessi il significato del Suo Amore, tanto la speranza come la disperazione sarebbero impossibili.

Perché ogni speranza sarebbe stata per sempre riempita e qualsiasi tipo di disperazione sarebbe inconcepibile.

La sua grazia è la Sua risposta a ogni disperazione, perché qui sta la memoria del Suo Amore.

Come Egli non darebbe volentieri i mezzi attraverso i quali si può riconoscere la Sua Volontà?

La Sua grazia è tua soltanto riconoscendo solo quello.

E la Sua memoria si risveglierà nella mente che chieda a Egli i mezzi con cui il suo sogno finisce.

3. Oggi chiediamo a Dio il dono che ha mantenuto con più zelo nel nostro cuore, in attesa di essere riconosciuto.

È il dono con cui Dio si inchina fino a noi e ci solleva, donando a Se Stesso l'ultimo passo della salvezza.

Tutte le fasi, tranne questa, li impareremo seguendo le istruzioni della Sua Voce.

Ma alla fine è Egli Stesso Chi verrà e portandoci nelle Sue Braccia farà che tutte le ragnatele del nostro sonno scompaiano.

Il Suo dono di grazia è più di una semplice risposta, quindi ripristina tutti i ricordi che la mente che dorme aveva dimenticato e ogni certezza circa il significato dell'amore.

4. Dio ama Suo Figlio.

Chiedi a Egli adesso di fornirti i mezzi attraverso i quali questo mondo scomparirà, e prima verrà la visione e un istante dopo, la conoscenza.

Perché nella grazia puoi vedere una luce avvolgere il mondo con l'amore e la paura cancellarsi da ogni faccia man mano i cuori si alzano e reclamano la luce come propria.

Cosa rimane adesso che possa trattenere il Cielo un solo istante più?

Cosa resta da fare quando il tuo perdono riposa su tutte le cose?

5. Oggi è un nuovo e santo giorno, perché riceviamo quello che ci è stato dato.

La nostra fede si trova nel Donatore, non nella nostra accettazione.

Riconosciamo i nostri errori, ma Quello che non sa di errori è Chi risponderà a loro, fornendo i mezzi con cui possiamo lasciarli alle spalle e andare verso Egli con gratitudine e amore.

6. Ed Egli discende per riceverci man mano ci avviciniamo a Egli.

Perché ciò che Egli ha preparato per noi Egli lo dà e noi lo riceviamo.

Tale è la Sua Volontà, poiché Egli ama il proprio Figlio.

A Egli eleviamo la nostra preghiera oggi, restituendo solo la parola che Egli ci ha dato attraverso la Sua Voce, la Sua Parola, il Suo Amore:

La Tua grazia mi è stata data.

La reclamo adesso.

Padre, io vengo a Te.

E tu vieni da me che te lo chiedo, perché io sono il Figlio che Tu ami. Un corso di miracoli.


Se hai qualche dubbio, hai bisogno di qualsiasi spiegazioni mandami un email.  Mi puoi trovare anche su Facebook. Grazie ti amo. 

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Post più popolari